may, 2021

This is a repeating event

22mayAll Day22 - Mese di maggio per i claustrali - ventiduesimo giorno

Event Details

Giorno ventesimosecondo

——-

Preparazione, e Avviso.

Beati qui esuriunt et sitiunt justitiam quoniam ipsi saturabuntur (b1) (Matt. 5. v. 6.)

1. Deus corroborat in Potestatibus. Siccome i poveri figli di Adamo non solo devono combattere contro le tentazioni del nemico infernale, ma per la disubbidienza del loro Progenitore avendo contratta nello spirito una somma debolezza in proporzione della violenza delle malvagie passioni, devono anche ad esse resistere: Iddio sebbene oltraggiato pur sempre ricco negli ineffabili tesori della sua infinita misericordia con eterno amoroso decreto ha ordinato, che un Coro Angelico che chiamasi delle Podestà ricevendo dalle sue divine miniere i tesori della sua robustezza la spargano sulle anime dei figli del disubbidiente loro primo Padre affinchè si ponga rimedio alla somma debolezza del loro spirito, e si trovino corroborati in Dio per resistere all’urto delle loro malvagie passioni. Codesti Spiriti beati rapiti in soavissimo estasi di amore contemplano perpetuamente con sguardo di profonda ammirazione i tratti benefici del Padre delle misericordie (b1), e incessantemente presentano tributi di lode, e di ringraziamento.

2. Osserva, o anima religiosa, quanto tu hai avuto bisogno nel S. Ministero di quei beati Spiriti che compongono il Coro delle Potestà: se questi nell’essere tu compresa fra quella miserabile generazione di Adamo non ti avessero comunicato robustezza per reggere all’urto delle passioni, a quest’ora, oh quante moltiplicate e più vituperevoli cadute avresti fatto, e se talvolta non sei stata forte in Dio fù, perchè per tua colpa non ti facesti ajutare dall’Angelico ministero; ora però che da Me venisti con filiale affetto per ascoltare le mie istruzioni ti avverto prima che pianga ogni tua colpa se pur talvolta ti sei abbandonato nella tua debolezza: poi per quelle grazie di robustezza celeste, colla quale pel ministerio angelico si è trovato il tuo spirito fortificato in Dio, e per la misericordiosa disposizione della Carità infinità di moltiplicare in te sempre più tale robustezza datti ad imitare quei beati Spiriti nel meditare l’amore in Dio, nel cantare inni di lode, e di ringraziamento; e quì ancora con fiducia m’ inviterai, e io ti accompagnerò dall’altezza dei Cieli.

3. Mà ti voglio ricordare che vivi nel S. Chiostro che devi interessarti di supplire per quanto puoi ai difetti di amore, di lode, e di ringraziamento di tante povere anime che vivono nel Mondo, che per le occupazioni del secolo rimangono distratte e dimenticano facilmente i loro sagri doveri, e in confronto di quanto sarebbero obbligati poco soddisfanno: mà specialmente ti raccomando di supplire ai doveri dei poveri peccatori superbi, avari, impuri, intemperanti, vendicativi, ingiusti, ladri, micidiali, e oziosi, ai quali tutti discendono dal torrente della Divinità per mezzo del Ministero Angelico le grazie di forza divina per resistere alle malvagie passioni, mà poverelli infelicemente per la loro indisposizione non le ammettono, e vi resistono, e piuttosto si rendono miserabilmente schiavi delle passioni: e qui ti avverto che se mi vuoi fare cosa gratissima non lasciare giammai di raccomandare a Me, e al Mio divino Figliuolo i poveri peccatori: questo esercizio te lo raccomando assai, ricordati che io sono il Rifugio dei peccatori, e quanto puoi fare di bene procura di farlo sempre anche per la conversione loro, e in unione dei meriti di Gesù, e della sua Chiesa tutto presenterai spesso al trono di Dio, e se farai l’offerta per mezzo mio sarà più efficace perchè piacerà più all’Altissimo.

Ossequio

L’ossequio che ti domando è questo. Nell’impegno d’imitare il Coro Angelico delle Potestà procurerai di salire altri gradi nell’amore, nell’umiltà, e nella Ubbidienza.

Giaculatoria e nel dirla intendi di domandare specialmente il dono per quanto è possibile sempre più perfetto d’imitazione del Coro delle Potestà.

Fioretto. Determinerai di praticare una qualche divozione al Coro delle Potestà, e la propagherai in altri, e pregherai perchè tutti profittino del ministero Angelico.

Ricordo di Maria Santissima Immacolata Regina.

Ti lascio questo ricordo. Un anima che conosce la debolezza delle sue forze si deve confortare in Dio, poichè pel Ministero Angelico delle Potestà, le comunica la grazia di robustezza celeste per resistere all’urto delle passioni.

Tre Gloria Patri Litanie e Oratio Amabilissima.

 

Condividi con WhatsApp

© Copyright - Istituto Pallotti
X