may, 2020

This is a repeating event

12mayAll Day12 - Mese di maggio per i claustrali - dodicesimo giorno

Event Details

Giorno decimosecondo

——–

Preparazione e Avviso.

Beati qui esuriunt, et sitiunt justitiam quoniam ipsi saturabuntur (b1) (Matt. 5. v. 6.)

Oh quanto ti devi consolare, anima religiosa poiché il D. Benefattore ti vuole manifestare altri tesori per vieppiù arricchirtene: dimmi desideri di andare più avanti nella santità? Ti piacerebbe la Santità di quei gloriosi Martiri, che hanno sparso in mezzo dei tormenti il loro sangue per mantenersi fedeli seguaci del mio Figliuolo, e tuo amantissimo Sposo Gesù Cristo, e che ora con Esso Lui, Capo, e Re anzi Martire dei Martiri regnano per tutti i secoli partecipando della gloria del dolorosissimo, e inconcepibile martirio sofferto nella sua vita dolorosissima, passione e morte di Croce, e a tanti gradi quante sono state le piaghe che per amore di Gesù hanno sofferto nel loro corpo, quante sono state le percosse, gl’insulti, le ignominie, e i disprezzi, e quanto più a sorsi a sorsi hanno trangugiato la morte? Dimmi ti piace, desideri di arrivare alla loro santità?

2. Mà avverti che il tempo delle persecuzioni dei Tiranni come infuriavano contro i seguaci del Nazareno nei primi secoli della Chiesa è finito, nè per questo devi diffidare di poter giungere alla santità dei Martiri. Voglio, o anima religiosa, che attentamente rifletti, che Martirio si dice, che hanno sofferto coloro che per amore di Gesù Cristo, e per mantenersi fedeli a Dio hanno dato la loro vita: tu per amore di Gesù Cristo hai fatto il sagrificio della vita tua secolare, e l’hai consegnata a Dio nel S. Chiostro: tu vivi nel Chiostro, e per mantenerti fedele a Dio nella tua Vocazione, nella osservanza delle Regole, delle Costituzioni e dei SS. Voti hai da passare la tua vita in un continuo sagrifizio; Vita di sagrifizio per essere fedele nel voto di castità contro la ribelle passione; Vita di sagrifizio per l’osservanza della povertà, Vita di sagrifizio per l’ubbidienza, e pensa che se hai professato la Clausura hai da sostenere tutte le privazioni della libertà; aggiungi quanti sagrifizj devi fare ogni giorno negli atti della Comunità; a quell’ora in Coro, a quella tale altra ora ai lavori, all’ufficio, alla Messa, e nella mensa doversi adattare a quei cibi: e così dovere essere tutta provata a tutta la vita regolare della Comunità; dimmi e non è questa una vita di perpetuo sagrifizio, e per inclinarvi la volontà molestata dalle ribelli passioni non è forse necessario sostenere una guerra poco meno che continua per mantenersi fedele a Dio?

3. Finalmente considera che l’anima religiosa per mantenersi osservante negli obblighi della sua Vocazione non solo ha da superare, e sostenere la guerra delle passioni, ma il Demonio che ha cessato di eccitare i tiranni contro i seguaci di Gesù Cristo, da se stesso li tormenta colla forza delle più gagliarde tentazioni: oh quelle anime che sono orrendamente tormentate colle tentazioni diaboliche contro ogni virtù oh quanto più pronta e compita hanno l’occasione di acquistare la santità, e la corona del martirio, se non in faccia alla Chiesa almeno innanzi a Dio per mantenersi fedeli al loro sposo Gesù. Voglio adunque, o anima religiosa, che sempre più tu acquisti coraggio, e vedi che la vita claustrale per la guerra che devi sostenere, e delle tue passioni, e dal Demonio (!) ti dà una delle più opportune occasioni per giungere alla Santità dei martiri e poi il tuo combattimento vittorioso unito al desiderio purissimo del vero martirio coll’intima, e ferma persuasione della tua indegnità, colla fiducia, che ove non potrai arrivare colle opere vi giungerai colla pienezza dei meriti di Gesù Cristo, che nobilitano, e compiscono le tue azioni verrai a godere della promessa fatta da Gesù. Beati qui esuriunt et sitiunt justitiam quoniam ipsi saturabuntur (b1).

Ossequio

L’ossequio che ti domando è questo. In ogni incontro difficile per superare qualunque tentazione, o risentimento interno contro l’osservanza regolare ricorri a Me con fiducia ed lo con affetto di Madre ti ajuterò.

Giaculatoria e nel dirla intendi di domandare specialmente il dono della perfetta osservanza regolare, e il più puro, e sincero desiderio del Martirio.

Fioretto. Esaminerai in qual punto di osservanza regolare sei più facile a cadere in difetto, e vi sperimenti maggiore contrarietà, e procurerai di vincerti, o emendartene.

Ricordo di Maria Santissima Immacolata Regina.

Ti lascio questo ricordo. La divozione ai SS. Martiri, e il leggere la storia del loro martirio giova molto per accrescere sempre più il sincero desiderio del martirio.

Tre Gloria Patri Litanie e Oratio Amabilissima.

 

© Copyright - Istituto Pallotti
X