may, 2021

This is a repeating event

06mayAll Day06 - Mese di maggio per gli ecclesiatici - sesto giorno

Event Details

Giorno sesto

———-

Preparazione e avviso.

1 In his septem gradibus primus est Ostiariorum, qui possint discernere inter dignos et indignos, et admittere in Ecclesia quos sciant esse dignos: et repellere quos noverint indignos = Vedi o figlio la bella sorte che ti è toccata [:] dopo essere iniziato nella via ecclesiastica colla Clericale Tonsura ti fu conferito un Ordine che almeno pe’ le Orazioni della Chiesa ti ha annoverato fra quei che possono con ragione sperare da Dio quei lumi che sono necessarii e opportuni per conoscere a chi debba chiudersi la Casa del mio Figliuolo [e] a chi possa darsene l’ingresso: ma pensa un poco; quando ti sei accostato ad essere insignito di un tale Ordine come ti sei preparato? Se mai fosti in ciò negligente vi porrai subbito rimedio senza turbamento: pentiti di ogni trascuratezza, ricorri a me colla preghiera, e io con affetto di Madre ti ajuterò colla mia intercessione presso il Trono dell’Eterno.

2 Istis etiam cura est introitus Ecclesiae servare, et res pervigili cura custodire = oh vedi la sublimità del tuo officio [:] a te fu affidato il Tempio, alla tua vigilanza furono affidati i sagri Altari su quali si sagrifica pe’ la salute di tutto il Mondo l’immacolato Agnello, a te i Vasi sagri nei quali si celebra il D[ivin] sagrifizio, a te i sagri paramenti, le reliquie dei Santi [;] in una parola ti fu affidato tutto il Santuario, nel quale resta compreso anche il Santo dei Santi il mio Figliuolo Sagramentato. Dimmi e mentre da Madre ti parlo tu mi rispondi da figlio, dimmi come hai eseguito la tua sagra incombenza, come hai rispettato e fatto rispettare il mio Figliuolo, i suoi Altari, le Reliquie de suoi Santi. Dimmi senza timore, mentre io sono qui a parlarti per rimediare ad ogni disordine, dimmi e nel Coro, e all’Altare ti sei mai diportato in modo da essere tu uno di quegl’indegni meritevoli da essere discacciati dal Tempio di Dio? Se mai ti riconosci reo senza turbamento ti penti, prega e io con cuore materno sono tutta pronta per ajutarti.

3 Unde et eis cum ordinantur claves Ecclesiae ab Episcopo traduntur, et dicitur eis. Sic agite quasi rationem Deo reddituri de rebus, quae his clavibus recluduntur = Se mai nell’officio di Ostiario non ti diportasti siccome richiedeva la santità del ministero devi pure accusare te stesso perché non hai meditato quelle tremende parole che furono pronunziate dal Vescovo ordinante = Sic agite quasi rationem Deo reddituri de rebus, quae his clavibus recluduntur = perciò ad essere sempre esatto nella tua sagra incombensa medita spesso che verrà un giorno in cui dovrai comparire al Tribunale del mio Figliuolo, e là ti sarà domandato conto come hai rispettato e fatto rispettare il Tempio dell’Altissimo, come hai custodito i sagri arredi, i sagri Altari, le SS. Reliquie dei Santi, i Vasi sagri e soprattutto come hai rispettato e fatto rispettare il Santo dei Santi che è l’istesso tuo Giudice: ad essere sempre più esatto nel tuo officio tutte le volte che entri nel Tempio Santo indirizza subbito la mente e il cuore al S. Tabernacolo e dì in fede ecco là il mio Giudice.

Ossequio

L’ossequio che oggi ti domando sarà di stabilire nel tuo cuore una regola ferma di non parlare in Chiesa senza una precisa necessità, e quando questo occorra bada che il popolo non possa restare  scandalizzato, giacché ignora cosa tu dici, perciò bada che le circostanze e la compostezza e il disbrigo ti giustifichino .

Giaculatoria e nel dirla intendi di domandare specialmente il dono di rispettare, e fare rispettare la Casa di Dio.

Fioretto

Portati alla visita di qualche Chiesa con particolare modestia per rimediare col buon’esempio a qualunque ammirazione avessi cagionato col poco rispetto e leggerai attentamente l’ammonizione che il Vescovo fa agli Ostiarii avanti la Ordinazione.

Ricordo di Maria Immacolata Regina

Ti domando che non dimentichi queste parole = Vita Clericorum liber est laicorum = (Concil: Turon: an: 1537)

Tre Gloria Patri: e il Cantico Te Matrem Dei.

 

© Copyright - Istituto Pallotti
X