Insieme al grande Giubileo della Chiesa Cattolica, che si svolgerà nell’anno 2025  a Roma, la nostra famiglia pallottina ricorderà diverse date importanti:

 

  • 230 anni della nascita del Fondatore
  • 175 anni della morte del Fondatore
  • 190 anni dell’ispirazione
  • 190 anni della fondazione
  • 75 anni della Beatificazione del Fondatore
  • 75 anni dell’esposizione delle reliquie del Fondatore

Il centro di questo evento pallottino sarà la Chiesa del Santissimo Salvatore in Onda, dove è stato sepolto il corpo di San Vincenzo Pallotti e dov’egli è adesso esposto per la venerazione dei fedeli.

In consonanza con il tema del grande giubileo della Chiesa, è stata scelta una frase tratta da una lettera del Fondatore a Felice Randanini, in cui il Santo lo esorta a vivere con speranza, nonostante le vicissitudini della vita: ‘Fin che si vive, v’è speranza’, scriveva il Santo!

Ecco qui la frase compieta: “Fin che si vive, v’è speranza: voi ancora siete nella possibilità di ottenere tutto; e spero che otterrete tutto, e più di quanto bramate. Pregate, pregate con fiducia – Sancti qui sperant in Domino habebunt fortitudinem, assument pennas ut aquilae, volabunt et non deficient = Quanti sperano nel Signore riacquistano forza, mettono ali come aquille, corrono senza affannarsi, camminano senza stancarsi (cfr. Is 40,31) – Iddio è con voi – Iddio sia sempre con tutti” (Lettera di Vincenzo Pallotti al Felice Randanini, del 31 maggio 1845 in OCL V, lett. n. 1132 II, p. 77).

Per incrementare il Giubileo Pallottino 2025 e incentivare la visita dei gruppi alla Chiesa Santissimo Salvatore in Onda, è stata fatta una richiesta alla Penitenziaria Apostolica perché fosse concessa l’Indulgenza Plenaria a tutti i fedeli che visitassero la Chiesa in quel periodo. Inoltre, la stessa richiesta è stata fata in beneficio di chi, impedito di venire di persona alla Chiesa, celebrasse il Santo, ogni 22 del mese dell’anno giubilare. E per grazia di Dio, è stato concesso questo beneficio ai membri e amici della famiglia pallottina!

I membri della famiglia pallottina, laici e laiche, sacerdoti, vescovi, religiosi e religiose sono vivamente invitati a partecipare a questo Giubileo Pallottino per il rinnovamento della fede e ripresa della vita di carità al servizio dell’Apostolato Cattolico.